In questi giorni sui social network hanno destato clamore le immagini dei tanti autobus pieni di gente (giovani in particolare), che finite le festività natalizie partivano per chissà dove. Non capire ciò che sta accadendo in Calabria ormai da anni significa non riconoscere un fenomeno a dir poco allarmante: un esodo continuo, soprattutto di giovani che in migliaia abbandonano la Calabria per recarsi al nord e all’estero.

I motivi sono tanti e tra questi il principale è sicuramente la mancanza di un lavoro stabile, di certezze, di una possibilità di vita dignitosa. Dietro i 200.000 laureati che hanno abbandonato il Sud negli ultimi 10-15 anni, secondo quanto documentato da un recente rapporto dello Svimez, c’è una prospettiva che diventa addirittura disastrosa se consideriamo che entro il 2050 avranno abbandonato le aree del Sud in 5 milioni e la nostra Calabria sarà di molto al di sotto del milione di abitanti.

Questo significa che in pratica nel futuro della nostra amata regione c’è il vuoto. Non solo! Non ci saranno cervelli che possano riempire gli spazi e garantire il rapporto formazione – impresa – lavoro. Medici, studenti universitari e, naturalmente, insegnanti saranno sempre di più i protagonisti della nuova presenza “meridionale” nelle città dell’Italia del Centro-Nord e dell’Europa.

In questo contesto, oltre a dover auspicare che la prossima classe politica parlamentare calabrese riesca a far mettere nell’agenda del nuovo Governo la necessità di assumere misure straordinarie per il Sud, c’è anche da sperare che cambi qualcosa proprio in Calabria dal momento che pochi giorni fa la Corte dei Conti ha sancito ufficialmente, portando la relazione in Parlamento, il fallimento della Calabria in fatto di spesa sulla Programmazione 2007-2013.

Alla Calabria ed ai calabresi è stato sottratto oltre un miliardo di euro a valere sul Por 2007-2013. In particolare, la riduzione ha riguardato il Fesr il cui cofinanziamento nazionale era di circa 3 miliardi di euro ed è stato ridotto a circa 2 miliardi di euro. Anche dal Fondo sociale europeo (FSE) 2007-2013 sono stati trasferiti al piano di azione per la coesione (Pac) circa 286 milioni.

Nessun beneficio, dunque, per lo sviluppo di una terra relegata agli ultimi posti in fatto di occupazione e, quindi, di crescita. Nessuna speranza per trattenere migliaia di calabresi che continueranno a lasciare la nostra terra.

Per questa ragione l’Associazione “Per il Bene del Territorio” ha deciso di far costituire tra i suoi iscritti una commissione: si tratta di volontari che già da subito inizieranno a lavorare per analizzare e studiare il fenomeno ma, soprattutto, per raccogliere idee e progetti che possano non solo attenuare ma invertire, se possibile, la tendenza prevista per il futuro.

Per questa ragione, invito tutti coloro che sono interessati, a partecipare ai lavori: inviando una idea, una proposta o più semplicemente un personale contributo all’indirizzo e-mail :

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avv. Maria Carmela Iannini
Presidente


Associazione "Per il Bene del Territorio"
Ufficio Stampa

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.