• Home
  • Cronaca
  • Schiavonea: botte per una precedenza e lite con in pugno la pistola

Aveva nascosto la droga nella spazzatura: era per uso personale, scarcerato Aquino Vincenzo

E’ stato rimesso in libertà Aquino Vincenzo, coriglianese di 36 anni, con diversi precedenti di polizia e giudiziari, tutti inerenti la materia degli stupefacenti, difeso dall’Avv. Pasquale Di Iacovo a seguito dell’arresto in flagranza di reato effettuato dai Carabinieri per detenzione illecita ai fini di spaccio di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

I fatti risalgono alla giornata di ieri 7 febbraio 2018, allorquando i militari della Compagnia Carabinieri di Corigliano Calabro, nel corso di un mirato servizio antidroga scattato alle prime luci dell’alba presso alcune abitazioni site in contrada Fabrizio, arrestavano un pluripregiudicato del posto per detenzione di ingente quantitativo di sostanza stupefacente del tipo marijuana.
Nello specifico, i Carabinieri nelle prime ore della mattina effettuavano diverse perquisizioni domiciliari presso alcune palazzine abitate da soggetti con precedenti specifici, site in contrada Fabrizio, frazione di Corigliano Calabro.
In particolare l’attenzione dei Carabinieri si focalizzava sull’appartamento di Aquino Vincenzo, pluripregiudicato del posto, all’interno del quale durante la minuziosa perquisizione domiciliare veniva rinvenuta una chiave accuratamente occultata all’interno di un nascondiglio ricavato in un ripostiglio.
A seguito di tale ritrovamento il perquisito assumeva un atteggiamento alquanto timoroso ed irrequieto, situazione che faceva comprendere ai militari l’importanza della scoperta appena effettuata.
Dopo alcuni tentativi, si accertava che la chiave apriva un magazzino sito vicino all’abitazione ed utilizzato in modo esclusivo dal pregiudicato.
Una volta entrati mentre i militari iniziavano la perquisizione del locale, questo, vistosi ormai scoperto, si dirigeva verso una pattumiera e dopo aver sollevato il sacco nero della spazzatura, prendeva due grandi buste sigillate in plastica contenente sostanza stupefacente, consegnandole ai Carabinieri.
Si trattava di oltre 200 gr di marijuana.
Il pregiudicato aveva creduto verosimilmente di celare l’odore della sostanza stupefacente sigillandola nei contenitori in plastica e nascondendola sotto la spazzatura.
Aquino Vincenzo veniva pertanto arrestato in flagranza di reato per detenzione illecita ai fini di spaccio di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente del tipo marijuana.
L’arrestato veniva condotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari dove nel corso di questa mattinata si è celebrata l’udienza per convalida, nel corso della quale il Pubblico Ministero ha avanzato la richiesta di applicazione della misura cautelare in carcere, mentre l’Avvocato Pasquale Di Iacovo ha illustrato ed esibito al Giudice una serie di documenti, dai quali risultava che la marijuana sequestrata non era destinata allo spaccio, ma costituiva una scorta accumulata dall’arrestato per destinarla al suo consumo personale e che Aquino Vincenzo aveva occultato la droga soltanto per evitare l’applicazione delle sanzioni amministrative previste per il consumo personale di sostanza stupefacente.
Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari, condividendo le argomentazioni della difesa, ha disposto l’immediata liberazione dell’arrestato.  

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna