La Sibaritide, terra Calabra dalle mille e una fortuna, ha un uomo politico di lunghissimo corso, il più longevo mai visto da ‘ste parti. È quel Franco Pacenza il quale da oltre un ventennio si barcamena tra Corigliano Calabro e Rossano, ai cui confini è nato 59 anni fa, l’Alto e il Basso Jonio cosentino e la Calabria intera, sconfinando fino a Roma.

Un politico dalla Duracell sempre carica, ma finora alquanto sfortunato. Già. Tre volte consigliere regionale LEGGI ARTICOLO COMPLETO


 


Commenti   

+5 #6 alessandro caputi 2017-11-20 15:56
Ma un pò di vergogna non la provano ?? Pacenza si godesse questi 10000 euri " sudati", "guadagnati" e si togliesse di mezzo.
Citazione
+5 #5 chepena 2017-11-20 12:29
Per voi che state bene è tutto solo un capriccio
ma noi soffriamo.
Citazione
+2 #4 Pinocchio 2017-11-20 08:50
Lo avevo scritto alcuni giorni fa, lo ripropongo proprio perché Corigliano ha necessità di voltare pagina di fronte a certi “personaggi” che della politica ne hanno fatto una loro mera speculazione di vita!!!!
Facendo parte del fantastico mondo delle fiabe non posso che vivere nella illusione che tutto ciò che mi circonda sia fantasioso, fantastico e fantasmagorico!
Ma proprio perché vivo in questo meraviglioso mondo mi sono accorto, nel tempo, che non tutto è così fantasioso, fantastico e fantasmagorico per come mi illudevo di credere.
Tutto merito, chissà, di due amici incontratati per caso: il “Gatto” & la “Volpe”! Ma tu pensa! Questi due mi avevano fatto credere che sarei potuto diventare ricco di colpo. Senza seguire l’odiata scuola alla quale il “mi Babbo!” voleva che io andassi e senza seguire il suo maldestro esempio di lavorare nella sua bottega piena di polvere e segatura! Di colpo sarei stato ricco sotto i rami traboccanti di monete d’oro che avrei dovuto solo raccogliere senza sudore e senza fatiche.
Caro Generale siamo stanchi! BASTA!
Ma sono mesi, anzi anni che da questo blog si sottolinea che l’iniziativa dell’Ospedale Unico era solo una favoletta per creduloni. Come me!, povero burattino di legno nelle mani di tanti volponi che, della politica, hanno fatto la loro unica ragione di vita perché, dalla politica, foraggiata senza motivo, senza lavoro e senza titoli!
Mi rivolgo ai miei amici creduloni di Corigliano e di Rossano, oramai tutti concittadini di un unico sogno! Ma vi rendete conto che adesso, dopo anni, la politica ci dice che forse l’Ospedale rimarrà solo un sogno!!!! Ma come!!! Prima avete realizzato il progetto, avete indetto una gara, avete espletato la stessa ed affidato i lavori, avete provveduto agli espropri e al taglio di secolari alberi di ulivo (…a proposito mi piacerebbe sapere a chi sono andati i proventi della vendita degli stessi!!!!!), si sono delimitate le aree, si è proceduto già, dico già!!!!!, alla posa della prima pietra, ed ora???? Ora qualche ex Onorevole, ancora lautamente pagato dalla Politica, ci solleva dei dubbi sull’esito della prosecuzione dei lavori ed altri, resisi noti protagonisti sul proscenio della fusione, ci sollevano, pubblicamente, i loro dubbi sulla realizzazione dell’opera a noi!!!!..... a noi cittadini come se noi fossimo in grado di capire cosa ci possa essere realmente sotto a tale malsana progettualità!
Siamo stanchi! Ma lo siamo per davvero!
Se avessimo avuto una classe politica seria ed interessata alle sorti del comprensorio dell’intera piana di Sibari, e non solo, avrebbe fatto di tutti per evitare la chiusura degli ospedali di Trebisacce e di Cariati e la spogliazione dell’Ospedale di Corigliano privando tutti noi delle basilari cure di base. Ed ora? Ora questa stessa classe politica si rende conto che, per viaggi della salute, arricchiamo le Regioni limitrofe. Ma cosa volete più raccontarci? Ma non provata disagio, dico disagio e non altro, nel volervi ancora riappropriarvi di scene e prosceni, in vista delle nuove tornate elettorali, come se poteste, nell’occasione, sciorinare a noi i vostri curricula d’interesse e d’attenzione per la crescita del nostro territorio se non, invece, i soli vostri lauti tornaconti!
Siamo stanchi di ascoltare che ancora oggi per l’Ospedale Unico sarebbe opportuno nominare una Commissione n grado di seguire l’iter….Basta!!!! E’ vero! Forse una Commissione sarebbe giusto che si formasse!!!!! Ma una Commissione d’Inchiesta da parte della Magistratura che possa, finalmente, dare attenzione a quanto sinora fatto certi che solo l’azione della legalità riconosciuta possa dare sollievo alle nostre attese, alle attese di un popolo martoriato e mortificato, vilipeso, offeso e tradito.
Io, burattino di legno, me ne ritorno nella bottega del “mi babbo!” nella speranza che la lezione di fidarmi di chi ha vissuto sempre come “volpe e gatto”, mi sia servita e che da oggi, oltre che stare attento al fuoco del caminetto nella bottega del “mi babbo”
Citazione
+7 #3 ciccilluzzo 2017-11-19 19:20
#1 ciccilluzzo 2017-11-19 15:58
Ebbe`dopo anni di magna magna, e senza aver concluso un nulla di fatto, tanto da non far ricordare questi personaggi per nessun bene fatto alla popolazione calabrese ed in particolare di corigliano/rossano, il tempo delle vacche grasse finisce per tutti. Domanda: ma se una persona non ha i titoli per occupare una carica, mi sembra ovvio che questa, se la legge e`uguale per tutti, debba voltare indietro tutti i soldi che impropriamente si e` intascato? oppure devono essere sempre e solo i poveri fessi che devono voltare indietro il maltolto? questo "duo" ha buttato nel baratro sia la calabria che la sinistra meridionale. Se esiste una legge in calabria, allora andrebbero riviste tutte le cariche impropriamente date e segnalate da questi personaggi che nulla hanno a che fare con l'amore per la terra di calabria. Come sempre noi onesti cittadini confidiamo nella giustizia sicuri che sapra' fare il suo onesto percorso.
Citazione
+18 #2 1 2017-11-18 21:27
e dopo questa voto lega!!
Citazione
-16 #1 ANGELO VITERITTI 2017-11-18 20:24
Caro Fabio,non ti scandalizzare troppo,la sinistra italiana ha rinnegato se stessa da anni per diventare democristiana della peggiore specie,il nome PD con tutti i dirigenti ne sono l'emblema.Ti risulta che da quando sono al governo,a ogni livello hanno mai fatto qualcosa di sinistra?A me non risulta nulla del genere,purtroppo.Circa la nomina di Franco Pacenza,devo dirti che non vedo nulla di scandaloso in quanto trattasi di un incarico politico e non tecnico,e quindi non occorrono titoli di alcun genere.I rappresentanti del M5S,anzichè scendere a certe bassezze dovevano chiedere conto dei risultati da tale incarico,e magari se tale incarico corrisponde a un super-Assessore alla Sanità.Allora mi chiedo perchè avere due assessori e avere tanto degrado nella nostra sanità Calabrese?Il problema non e la nomina di un primario o di un familiare sia pure con metodi discutibili ,ma la qualità e l'efficienza dei servizi che si offre ai pazienti bisognosi di cure e di assistenza.Quindi il problema è tutto politico e non personale,tra l'altro il caro amico Franco come tu stesso ammetti ha subito un torto che a mio avviso nessuna nomina o incarico potrà ripagarlo.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.