E fusione fu! Ma, dal 22 ottobre ancora nulla di fatto. A parte le belle parole, il trionfalismo dei rossanesi, Mascaro in testa, oggi ancora nulla di fatto. Però credo che sia stata l’ennesima presa per il …. stando a quello che si dice ma non si dice. Anche oggi che le 100A invitano a fare una fusione fatta bene ma non dicono però chi la sta ostacolando.

 Infatti corre voce che Mascaro e i suoi intendono concludere la loro Amministrazione e quindi votare nel 2020…perché sono in carica da poco tempo, ci sono molte cose da fare ancora, ecc…. In poche parole, tutta la fretta nel fare il Referendum, rifiutare la richiesta di rinviare la data delle votazioni fatta da Geraci, ora non vogliono i Rossanesi che stanno mettendo il freno.
Se così è ed è, allora non ha bleffato Geraci ma Mascaro e i suoi, ha bleffato Graziano che sapeva certamente che doveva lasciare il seggio alla Regione, lo sapevano tutti. E adesso ci troviamo con un referendum fatto, avallato dalla Corte di Appello e LORO, i Rossanesi, vogliono stabilire anche la data di quando dovranno sciogliersi i Municipi e si dovrà andare al voto.
Tutti siamo stati contro Geraci quando invitava alla calma e alla prudenza dicendo che la fusione tra due grossi comuni doveva essere fatta bene e con criterio, che le due amministrazioni dovevano incontrarsi per parlare e discutere sul da farsi. Invece Rossano ha voluto votare ma oggi vuole rinviare. Perché? Perché mentre Geraci ha finito Mascaro è a metà mandato e non vuole lasciare. Vi sembra giusto, coriglianesi, tutto questo? Allora perché non è stata accolta la proposta di Geraci di far votare a gennaio o febbraio? Forse perché non ci sarebbe stato più Graziano che ha voluto essere il papà della fusione? E come al solito si è voluto dire votiamo e poi se ne parla?
Se così sarà Corigliano sarà stata ancora una volta buggerata dai vicini che vogliono fare sempre le prime donne. Corre la voce che un dipendente di Rossano aveva chiesto di essere trasferito in mobilità a Corigliano ma il Comune di Rossano non gli ha dato il nulla osta. E Rossano vuole la Fusione? Ma quale Fusione?
Ai posteri l’ardua sentenza!!!
 

 


Commenti   

0 #2 ANGELO VITERITTI 2018-01-05 14:11
Ma quale fusione? Si tratta solo di un imbroglio ordito dalla Regione Calabria.Solo che adesso non sa come venirne a capo.Aspetta solo la decorrenza dei termini.Non lo avete ancora capito? Per fare le fusioni ci vogliono leggi serie e nel rispetto delle sovranità popolari.
Citazione
+4 #1 A primavera si voti 2018-01-03 19:35
Considerato che, la tempistica - i procedimenti amministrativi, la predisposizione normativa, la realizzazione dei dispositividi legge, l'organizzazione legislativa, strutturale e territoriale - per realizzare la fusione nella sua compiutezza e ramificazione sono abbastanza o decisamente lunghi e complessi (secondo me ci vorranno più di 2 anni), credo che sia giusto che la città di Corigliano vada al voto, e i partiti, i movimenti, etc. si organizzano illustrando i propri programmi per realizzare e gestire al meglio questo processo, irrobustendo, rafforzando e corroborando il rapporto istituzionale con la vicina Rossano (cosa che, tra l'altro, l'attuale Amministrazione comunale di Corigliano non può fare o riuscirci... considerati gli "strappi" consumati nei mesi passati).
Pertanto a primavera si vada a votare, dando la parola ai coriglianesi... loro, e solo loro, dovrebberoo decidere chi dovrà (politicamente) ottimizzare questo processo.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.