Vorrei approfittare del clima noioso di questi giorni, in cui non ci sono grosse notizie se non alcune buffe candidature locali alle prossime inutili elezioni politiche, e farvi ragionare su un punto, che ci sembra importante mettere a fuoco: perché ci ostiniamo a guardare la nostra città per come la percepiamo e non per quello che è? 

E perché essere ottimisti è considerata una delle più grandi eresie della nostra epoca e il più grande affronto culturale contro la normalità del drammaticamente corretto?  LEGGI ARTICOLO COMPLETO

 


Commenti   

+3 #1 Asclepio .... 2018-02-06 19:34
Sì sì, tutto, tutto bene: proprio una meraviglia, Corigliano è diventata una città modello, per tutti!

Le strade sono liscie e le buche sono solo un brutto ricordo del passato; i marciapiedi puliti e senza più mattonelle divelte o infestati da erbacce; le aiuole curate, pulite e accoglienti così come tutti gli spazi verdi; il centro storico poi, così come quello marinaro, è stato oggetto in questi anni di tanta attenzione, con tanto di politiche e iniziative amministrative per iniziare quell'agognato ma progressivo recupero per restituirlo alla dignità della sua storia; per non parlare poi delle innumerevoli iniziative poste in essere da questa Amministrazione nel settore turistico; e poi... etc. etc. etc.

La verità è che in questi anni non è stata posta in essere un minimo di pianificazione del territorio, della città (dalle periferie al centro): ci si è mossi per inerzia. Nessun progetto infrastrutturale, nessun disegno di sviluppo e ottimizzazione urbanistica, nessuna idea di medio-lungo termine è stata realmente pensata, ideata, proposta, perseguita.

In questi anni, a mio avviso, abbiamo assistito al decadimento inesorabile... disservizi generalizzati, disagi a dismisura, tasse salatissime e un paese sempre più spopolato.

E allora, di cosa dovremmo fecilitarci?

Forse che il Comune non si è visto sciogliere i propri organi politici? Di cosa dovremmo gioire, forse che il Comune non è finito in dissesto?

Ecco io sono tra quelli che, già solo per il fatto che al Comune si è insediata una commissione d'accesso antimafia si è rattristato; così come sono rattristato del fatto che il Comune è stato richiamato dalla Corte dei conti e che abbia sfiorato il dissesto... ma sono ancora più triste nel pensare che dovremmo essere felice perché l'abbiamo scampata: fin quando ci sara questa mentalità non si andrà da nessuna parte, e non vedremo mai quello sviluppo armonico e contagioso che questa città (baciata dal sole e da Dio) meriterebbe davvero, e non a parole.
Infine, una riflessione a parte meriterebbe il discorso sulla fusione; un processo geo-politico questo molto importante che è stato gestito da questa Amministrazione con una certa sciatteria, con superficialità e approssimazione; quasi come se fosse stato derubricato a qualcosa di avulso dalla realtà politica, lontana anni luce dal divenire.

Fintanto che, prima a fine agosto e poi a metà settembre circa, il Sindaco ri-portò la questione fusione in Consiglio comunale, e non per discuterla e spiegarla meglio nella propria visione futura ma per "annullarla" ritirando la stessa delibera che ne aveva permesso l'avvio dell'iter minacciando, in tutte e due i consigli, di dimettersi se la maggioranza non l'avesse seguito. Poi sappiamo tutti com'è andata.

Ecco anche questo altro "evento" sta ad indicare il fatto che questo "corso" politico-amministrativo si è denotato per un colossale deficit di visione, di strategia, di pragmatica politica.

Infatti, restando alla questione, il processo di fusione è come se Corigliano l'avesse subito; e mi chiedo, a tale riguardo, con quale credibilità politica oggi quest'Amministrazione tesse le lodi al progetto della fusione?

E mi fermo qui, non voglio entrare poi nel merito di altri temi o disquisizioni di carattere etico-morale-politico. Sarebbe finanche eccessivo farlo.

E allora sì, gioiamo e rallegriamoci pure; cerchiamo di essere ottimisti, guardiamo positivamente al futuro e al presente ma per farlo, non chiedeteci (anche) di guardare all'esperienza politica di questa consiliatura. Abbiate pietà, sarebbe davvero troppo.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.