• Home

Entrate comunali e tutela dei cittadini, l'impegno della Confconsumatori

"La Confconsumatori di Corigliano Rossano ha registrato, nel corso dell’anno appena trascorso, un aumento esponenziale del contenzioso generato dalle società di telefonia. Nel corso del 2019 ad oggi sono oltre 50 le pratiche di reclamo in gestione nella sede di Via Walt Disney". E' quanto afferma il responsabile della sede cittadina, dottor Domenico Varcaro, professionista sempre attento e sensibile ai problemi dei cittadini-utenti.

"Si tratta in prevalenza di contenzioso legato alle utenze mobili, anche se non è un'eccezione anche il caos legato alle utenze domestiche ed alle differenti e complesse offerte telefonia/internet, nonché l'avvio di servizio non richiesti in favore di utenti anziani che non hanno bisogno di accedere alla rete. Una bella fetta del contenzioso deriva dalle modalità aggressiva di vendita e di concorrenza tra le varie società, con particolare riferimento ai contatti e contratti via telefono.
I venditori telefonici che contattano gli utenti, con sempre maggiore frequenza, non comunicano le offerte in maniera corretta e completa, così spesso inducendo in errore il consumatore. Si stanno verificando anche "recidive" di contenzioso, in quanto alcune società telefoniche dopo aver raggiunto un accordo conciliativo (in sede paritetica) non rispettano gli impegni transattivi assunti e continuano a sollecitare crediti asseriti e rinunciati. Sotto questo aspetto - afferma Varcaro - l’ufficio legale ha avviato alcuni procedimenti civili per obbligare le stesse al rispetto degli impegni conciliativi. Per l’energia i casi registrati sono stati circa un centinaio e gli errori di fatturazione con importi già prescritti sono stati i più frequenti. Tanti i casi di cittadini che hanno visto decurtare le proprie fatture grazie al nostro supporto di circa il 70% del totale richiesto dalla società di energia. Un caso a sé riguarda invece le cartelle tributarie emesse dalla Municipa Spa, concessionaria della riscossione coattiva delle entrate comunali, che nel secondo semestre del 2019 ha sommerso la quasi totalità della cittadinanza residente nell’area urbana di Corigliano. Cartelle inerenti soprattutto la riscossione del tributo TARI relativo alle annualità comprese tra il 2014 ed il 2017. L’invio complesso di questi atti ha portato la cittadinanza a non comprendere al meglio le ragioni e spesso tanti di questi sono stati pagati anche se illegittimi e non dovuti. Mentre i consumatori più attenti sono riusciti, spesso col supporto della nostra sede, a ottenere gli annullamenti dovuti. Per ciò che concerne la richiesta del pagamento IMU sulla prima casa, invece, sostanzialmente i casi registrati sono stati minori. Purtroppo, molti ricorrenti sono stati costretti ad adire le sedi giudiziarie per far valere le proprie ragioni, e in tal sede la società di riscossione ha fatto un passo indietro riconoscendo gli errori commessi, già in fase di mediazione. Siamo dell’idea che un comune virtuoso - spiega Varcaro - ad ogni modo dovrebbe evitare situazioni così improprie, come quelle vissute dalla nostra cittadinanza in molti casi analoghi a tutta gli abitanti. Il tutto purtroppo al cospetto di alcuni servizi pubblici inefficienti".
Si ricorda a tutti i cittadini dell’area urbana di Corigliano-Rossano interessati che la sede sita in via Walt Disney snc, area urbana Corigliano, può essere contattata sia via telefono ai numeri 0983.202281-329.4518228 che via e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Fabio Pistoia


 

Stampa Email