Panettoni realizzati con le clementine di Corigliano Rossano in regalo ai sanitari in prima linea contro il Covid

400 panettoni artigianali, realizzati con le clementine di Corigliano Rossano, in dono agli operatori sanitari attivi in prima linea per l'emergenza Covid nei centri sanitari vicini al quartier generale dell'organizzazione di produttori. Si tratta del personale sanitario prestante servizio nel Centro Covid di Eboli, nell'Usca di Battipaglia e in quello operativo presso il Servizio Sanitario di Urgenza e Emergenza Medica (118) di Battipaglia.

L'iniziativa di solidarietà nella prossimità delle festività natalizie e in piena pandemia è stata promossa da Marco Eleuteri, amministratore delegato della Op Armonia: "Volevamo mostrare in qualche modo la nostra riconoscenza a chi in questi ultimi mesi ha affrontato ritmi di lavoro massacranti per far fronte all'emergenza pandemica mettendo anche a rischio la propria salute. Abbiamo pensato di farlo donando ad ogni operatore "in prima linea" un panettone artigianale realizzato con uno dei nostri prodotti Premium di maggior successo, la DolceClementina. Si tratta di una selezione Gourmet di clementine provenienti esclusivamente dalla costa jonica calabrese, lucana e pugliese, tra le zone più vocate d'Italia per la coltivazione di questo frutto. L'abbiamo fatto realizzare dal giovane pizzaiolo campano, grande esperto in lievitazioni, Valentino Tafuri, già premiato quest'anno dal Gambero Rosso e dalla Guida dell'Espresso come "Giovane Pizzaiolo dell'anno". Valentino, nonostante il rallentamento forzato della propria attività principale, la frequentatissima pizzeria "Tre Voglie" a Battipaglia a causa del Covid - aggiunge Eleuteri - ha avuto l'occasione di entrare in quello che per lui potrebbe diventare in futuro un vero e proprio nuovo mercato, quello, appunto, dei dolci italiani tradizionali realizzati artigianalmente".
"Per prima cosa - spiega Tafuri nell'illustrare la realizzazione del prodotto - parto con la lavorazione delle clementine privandole dalla buccia che vado congelare per 24 ore poi le lascio in acqua corrente per 48h per eliminare l’eccessivo amaro, poi vengono bollite ed in seguito inizia il processo di canditura che dura nove giorni. Mentre tutta la polpa della frutta viene spremuta e con l’aggiunta di amido, zucchero e rum e miele, vado a creare la base aromatica del panettone. Dopo tre rinfreschi di lievito madre si parte con la realizzazione del primo impasto, ottenuto dall’unione di tuorli d’uovo di galline allevate a terra e burro di Normandia, unito il tutto da Farina di tipo “00” italiana. Dopo 18 ore di lievitazione si procede al secondo impasto, che nasce con l’inserimento di farina di tipo 1 e dopo un'ora di impastamento si passa all'inserimento delle scorze candite, pasta di clementine artigianale e vaniglia".
Fabio Pistoia
 

Stampa Email