Greco e Romano “tolti di mezzo” a colpi di kalashnikov e pistole

Guerra di ‘ndrangheta: in un anno quattro morti ammazzati certi e due probabili vittime della lupara bianca 

Nello stretto giro d’un anno già quattro morti ammazzati. O forse sei. Già, perché due delle misteriose “sparizioni” avvenute nel territorio della Sibaritide tra lo scorso dicembre e le scorse settimane presentano tutti i “contorni” per poter essere inseriti a buon diritto tra i (tanti) casi di “lupara bianca” pure registratisi a queste stesse latitudini di ‘ndrangheta nel corso degli anni. Stamane il ritrovamento degli ultimi due corpi che la cronaca restituisce al primo elenco, quello dei morti certi. Pietro Greco, 39 anni, originario di Castrovillari ma residente da tantissimi anni a Cassano Jonio e praticamente cassanese d’adozione, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza e noto per reati legati alla droga (foto a destra) unito dallo stesso destino di morte a Francesco Romano, 44 anni, residente a Corigliano Rossano

imprenditore agricolo coriglianese ed incensurato, anche se pure lui era “noto” negli ambienti investigativi per alcune frequentazioni non proprio “specchiate” (foto a sinistra). LEGGI ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

Stampa Email