Il volto perbene che denuncia la corruzione d’un prefetto: quale migliore augurio per il 2020?

Cinzia Falcone ha 46 anni ed è la titolare d’una scuola privata d’inglese di Cosenza. Referente del Cas per i migranti di Camigliatello Silano e presidente dell’associazione “Animed”, è costantemente impegnata in attività di solidarietà a tutela dei diritti delle donne

Calabria, 2019. Una terra ed un anno - in particolare il suo ultimo scorcio - che hanno visto letteralmente crollare nell’indegno i volti d’alcuni uomini ed alcune donne sui quali i calabresi e le calabresi perbene, sbagliando, avevano riposto le loro (ultime?) speranze. Sì, perché quei magistrati, quel prefetto, quei poliziotti, quei carabinieri, quei finanzieri, quei cancellieri di procure e tribunali ed altri servitori dello Stato additati d’esserne traditori

unitamente a quei pochi integerrimi rappresentanti politici ed istituzionali ad ogni livello sui quali mai s’è alzata neppure una sola chiacchiera neanche di colore rosa, per i calabresi perbene erano tra gli avamposti del residuo vivere civile di questa terra LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Stampa Email