Da Massimo Cimino riceviamo e pubblichiamo

Sono Massimo Cimino, un tempo cittadino di Corigliano Calabro, emigrato per causa di una folle pazzia da parte di chi opera il male, chi ha operato il male contro la mia famiglia si ritrova oggi detenuto per omicidio trasversale qualcuno è ristretto al 41 bis, carcere duro. sono passati 13 anni da quel gesto da loro sconsiderato che ha fatto soffrire sia me che loro stessi, perchè nn credo che chi oggi è detenuto al 41 bis nn soffre, sarebbe un'animale non un essere umano.


il carcere e la responsabilità che si assume una persona dopo aver praticato illeciti, ma che illecito.....uccidere un anziano per farsi bello dai compari....maledetto quel giorno che avete preso quella decisione animalesca, senza pietà per chi non centrava niente.
la morte di mio padre ha già raggiunto un obbiettivo molto importante con condanne in primo grado, specie per gli ergastolani, e mi rivolgo personalmente con nome diretto a quel poco di intelligente omissis, che al momento risulta essere la persona che ha sparato.........non me lo sono inventato io ma il processo di  primo grado dice questo.
ma omissis può essere felice nella vita? ma se gli viene confermato in appello l'ergastolo cosa ne sara' di lui? mi fa pena quella persona nonostante  attualmente e la persona che piu' odio nella vita, perchè quel gesto da lui sconsiderato mi porta a odiarlo per sempre... e se non ci sarebbe la giustizia me la sarei fatto da solo, scusate dello sfogo ma cercate di capirmi, non lo a nemmeno saputo sparare....se goduto quei attimi  di follia contro un anziano indifeso...con una pistola carica non riusciva a finirlo, si ci e divertito su mio padre diciamo così.....
al momento lo ritengo innocente ma in primo grado si dice che lui il responsabile........allora è proprio per questo che scrivo a codesta redazione cittadina del posto, affinchè il mio messaggio arriva diretto a omissis. sei stato tu a sparare? pentiti ce ancora tempo perchè ricordati che io non ti perdonero' mai se da parte tua non ce pentimento.
difficilmente il mio annuncio possa arrivare alla persona interessata per causa della sua ristrezione al carcere duro, lui non ha internet, forse non sa nemmeno cosè chi lo sa, ma un suo familiare il suo legale o forse il vento possa mandargli questo messagio....pentiti e ci sarà la pace tra te, che pensi di farmi paura, e tra me che non ho paura di te.
sei forse tu il responsabile? allora sappi che io vivo per la giustizia e non te lo perdonerò mai....sei forse innocente? dimostralo.
tra poco ci sara' il processo d'appello e vorrei tanto la pace perchè non voglio nemici in giro per il mondo, ma se qualora non ci sia vostro pentimento non vi perdono.
sono 13 anni che non respiro l 'aria della calabria e chi a commesso quel brutto gesto deve prendere in considerazione le mie stesse abitudine fuori da quellla terra o rinchiuso in carcere o fuori  per altra ragione.
ricordatevi che Corigliano l'ho perso  e me ne sono fatto ragione ma voi anche lo perdete.
siete stati bravi tutti ma ricordatevi che vi perseguo a vita.......io comunque nonostante tutto sto bene e mi godo le meraviglie del mondo...voi cosa fate aspettate l'appello? ingenui....a me sembra più una decisione animalesca la vostra che umana.....ricordatevi sempre che non ho paura di voi, sono il vostro ricordo del vostro gesto sbagliato..........i collaboratori?  anche l 'oro la pagheranno sono sicuro perchè troppo bello nn pagarlo e a sua volta essere pagato dello stato.
conosco la legge dei collaboratori, anche loro pagheranno....un grazie ai collaboratori di cuore per non aver mai speso una parola di scuse verso i Cimino ma soltando verso la procura...ei belli avete ucciso mio padre.....
un piccolo commento vorrei farlo su omissis che la corte la condannato a più di 25 anni....ma cosa ti aveva fatto mio padre....anche questo internet nn sa cose perchè ristretto al 41 bis e non puo' leggere ma spero glia rriva la mia richiesta di grazie per il male subito, vi odio a tutti sai.....
un saluto con affetto a tutti i responsabili ristretti e non da un luogo d'aria aperta e in buona compagnia,
massimo cimino

Stampa Email