Dalla “Città a misura di Bambino” ai bambini alla guida della città. Orari stravolti e lezioni nei container?


(foto: https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/fotogallery)
Il clima di festa che si respira normalmente in questi giorni, per molte famiglie di Corigliano – Rossano, è stato turbato da una circolare scolastica, secondo cui il plesso Ariosto da giorno 7 gennaio resterà chiuso, in quanto “destinatario di un finanziamento MIUR per “INTERVENTO DI ADEGUAMENTO STRUTTURALE, EFFICIENTAMENTO ENERGETICO E DI ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE VIGENTI …”.

Molti bambini, pertanto, al rientro dalle vacanze natalizie non solo non troveranno più il loro banco, ma saranno costretti a fare dei turni per continuare nella normale attività didattica, garantita - per loro – in un altro edificio e nelle ore pomeridiane ( “tutti i giorni dalle 14 alle 18”). Nella circolare si legge, inoltre, che questa è una soluzione temporanea, in attesa che “il Sindaco provveda a far allestire moduli prefabbricati in area Eurospin”.
Che lo storico istituto scolastico, frequentato da diverse generazioni, necessiti di interventi di messa a norma e che sia fatiscente in più punti – come conferma una relazione tecnica di sopralluogo, richiesta dal dirigente della manutenzione del comune di Corigliano – Rossano e datata 27 agosto 2019 - lo sappiamo tutti e lo sanno bene anche i genitori che oggi si chiedono come mai questi lavori urgenti e “risaputi” si debbano necessariamente eseguire con questa urgenza, senza neanche il tempo di potersi organizzare.
Al sindaco ( e, se avrà cavato qualche ragnetto dal buco, all’assessore Novellis), che domani, a sole 69 ore di anticipo dalla riapertura delle attività scolastiche, spiegherà a 250 famiglie come dovranno riorganizzare la propria vita, ribaltando gli orari delle lezioni, chiediamo anche lumi e chiarezza sui già citati “moduli prefabbricati”, spiegando se si tratta di un omaggio per i 40 anni dal terremoto in Irpinia, o di una soluzione “comoda e all’avanguardia”. E poi questa amministrazione comunale ha idea di come acquisirli questi container? saranno acquistati o noleggiati? Se acquistati, con affido diretto ( visto i tempi) o con bando di gara?
Civico e Popolare, oltre ad esprimere la più totale solidarietà e disponibilità a queste famiglie, chiede con fermezza al Sindaco di voler riconsiderare le modalità e la tempistica di esecuzione di questi lavori e auspica una più idonea alternativa oltrechè Chiediamo, infine, di utilizzare le risorse presumibilmente previste per la messa in opera, l’allestimento e la messa a norma di queste unità temporanee, in una più adeguata soluzione logistica.

di Gino Promenzio, Consigliere Comunale di Civico e Popolare

Stampa Email