Odiare Milano? Sì può, anzi si deve, perché è città troppo ricca e troppo vincente

Perché i meridionali s’arrabbiano quando Vittorio Feltri li definisce “inferiori”? In fondo il direttore di Libero ha spiegato che con la sua provocazione non voleva offendere nessuno, non trattandosi di razzismo, ma della semplice constatazione che il Sud, avendo tutti gli indicatori economici negativi, è economicamente inferiore al Nord. E allora, perché questa reazione scomposta? 

Dove si origina la rabbia del Sud nei confronti di qualunque settentrionale che abbia, anche a giusta ragione, come nel caso di Feltri, qualche riserva sulla società meridionale? Fino a poco tempo fa pensavo che la suscettibilità del Sud fosse dovuta alla difficoltà di tanti meridionali a capire, forse per cultura e mentalità, le ragioni del Nord, a cominciare da quelle che spingono, oggi, i suoi imprenditori e i suoi politici, che ben li rappresentano, a voler affrettare la fine dell’emergenza coronavirus per tornare subito al lavoro, che, dicono, forse vale più della vita. LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Stampa Email