Dietro l’incomunicabilità di Stasi c’è un difetto di cultura (e di buonafede?)

Non soltanto è inutile, ma è anche ridicolo far finta che non sia successo niente. È successo, eccome. È successo che il sindaco e la maggioranza che governa questa città non abbiano, nell’opinione pubblica, una buona immagine; diano l’impressione (forse a ragione) che abbiano prodotto poco e male, che girino a vuoto. Questo è successo (e succede). Ma come darle torto visto com’è ridotta la città. 

E poi, chi ti dice che sia una disgrazia? Vera disgrazia sarebbe il contrario, cioè far finta che non sia successo niente, che tutto vada bene. E non sarà una disgrazia se le forze politiche che compongono la coalizione di maggioranza comincino ad affrontare questo problema con coraggio e lealtà salutari. Facciamolo anche noi, partendo da una riflessione: il primo, il più grave, il più trascurato difetto di cui soffre la maggioranza che governa la città sta nella comunicazione.  LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Stampa Email