La lotta alla mafia

Apprendiamo da notizie di stampa che  Venerdì primo marzo a Corigliano, alla presenza dei Ministri dell'Interno, Annamaria Cancellieri e dell'Istruzione Francesco Profumo, avrà luogo la cerimonia di inaugurazione di un bene confiscato alla criminalità organizzata.


Il Partito Democratico dà il benvenuto ai due Ministri e non sarà presente all’evento perché l’organizzazione non lo prevede, ma  conferma il suo sostegno ed apprezzamento per l’iniziativa. Lo scioglimento del Consiglio Comunale per condizionamento mafioso a seguito dell’operazione Santa Tecla costituisce una macchia indelebile nella storia della nostra Città e la lotta per la legalità si concretizza soprattutto attraverso la confisca dei patrimoni illecitamente acquisiti e la loro destinazione  a fini sociali e culturali.
Rispettiamo i protocolli ministeriali che prevedono un certo cerimoniale, riteniamo però uno smacco per i cittadini il non poter partecipare alla cerimonia. Non possiamo non sottolineare che la lotta alla criminalità necessita della partecipazione e della condivisione dei cittadini, delle forze politiche, delle categorie sociali. Così come è assolutamente necessario che i beni sottratti e destinati a fini sociali e culturali abbiano una piena utilizzazione e siano fruiti dalla popolazione.
E’ controproducente ai fini della lotta alla criminalità che alle inaugurazioni non faccia seguito un effettivo funzionamento dei servizi previsti.
L’assenza dei bambini nella Scuola per l’infanzia di Fabrizio, collocata in altro bene confiscato alla mafia,  è un monito per noi, per i Commissari che amministrano la Città, per lo Stato. Senza una vera ed autentica ricerca di dialogo con la popolazione anche le iniziative concepite con le più buone intenzioni possono finire nel nulla. E non condividiamo l’esposizione mediatica che recentemente è stata fatta sul caso. E’ stata ingiusta e la Città di Corigliano non lo meritava.
Anche in questa occasione esprimiamo le stesse preoccupazione che abbiamo manifestato all’apertura della Scuola di Fabrizio, se non si creano le condizioni adeguate il rischio è che la struttura non venga realmente utilizzata.
Il Partito Democratico, che ha fatto della legalità il centro della sua azione politica, pertanto, sollecita ed invita i Commissari ad avviare immediatamente il progetto del MIUR previsto nella struttura e denominato "più scuola meno mafia".

Corigliano Calabro                            Partito Democratico
28 febbraio 2013

Stampa Email